E insomma, andando a fare un giro all’ Auchan (non che da altre parti non si trovano, anzi) ho voluto comprare i Mikado King Choco saveur pralinè.
Per chi non lo sapesse ancora questi sono dei biscotti, tipogrissini con una copertura di cioccolato, ne esistono di vari tipi, con granella di nocciole, al latte, fondente e cioccolato bianco più le due novità uscite nel 2012 dei king choco al cioccolato e alla copertura di nocciole.

R_DSC00767
Prendiamo in esame quest’ultimo.

Diciamo che non c’è molto tempo per esaminare questo prodotto

  1. perché fa gola
  2. perché quando hai ospiti a casa e apri il pacchetto, ce ne sono così pochi (forse dieci?) e insomma appunto non hai il tempo di contarli

 

Ho voluto prendere in esame il prodotto perché, chi ha visto i miei precedenti post, la mia amica dal Giappone, mi mandò un qualcosa che qui in Italia forse non arriverà mai .. I Pocky alla fragola.
La cosa appunto che poi non ci avevo fatto caso è che sono tutte e due della stessa ditta, la Glico group che ha sede in Giappone, ma ha distaccamenti nel sud-est Asia, Cina, Canada/America e in Europa.

E questa scatolina arriva proprio dalla sede francese .. ma l’ho comprata al supermercato qui in Italia, ovvio. 😛

R_DSC00765

Ecco il biscotto in tutta la sua bellezza. Basta un secondo per addentarlo e mandarlo giù

R_DSC00771

E fu così che ho tirato fuori i miei Pocky alla fragola con l’ultimo pacchettino che avevo lasciato da parte
Adesso i fratelli nati in due continenti diversi si possono incontrare. (che storia commuovente) 😛

R_DSC00768

Da notare anche il marchio Glico. Mio fratello fa il gioco delle differenze notando che i Mikado fanno ingrassare rispetto ai Pocky giapponesi. ghghgh! Spiritosoooo!

R_DSC00769

Ecco, sfoderato il pacchetto di Pocky alla fragola, l’ultimo pacchettino da 10 che avevo lasciato da parte, ma poi perché lasciargli prendere la muffa? Il tempo di fare qualche foto e spariscono tutti.

R_DSC00775

Che dire? Ottimi!
Ringrazio chi spiritosamente dice che ora sono contagiata dalle radiazioni di Fukushima 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *