Tutto cominciò a febbraio 2015, quando sentii parlare di questo libro. Una rivelazione! Funziona! .. dicevano. Il magico potere del riordino, questo libro sarà davvero così come dice il titolo? Alla fine decido di acquistarlo in formato digitale.

il-magico-potere-del-riordino-le-mille-e-una-passione-4

Ho cominciato a leggere “Il magico potere del riordino” il 22 febbraio 2015, in una giornata in cui avevo l’influenza.
Marie Kondo è una scrittrice giapponese. La maggior parte della sua vita è stata basata sul trovare il metodo migliore per riordinare la casa e riordinarsi la vita, quindi non solo una questione visiva o di vivibilità della casa, ma anche di ordine sul proprio spirito interiore.

Pensate a quante volte abbiamo provato a ordinare i nostri spazi e i nostri armadi. Basta la fine della stagione, invernale o estiva, per capire il fallimento totale. Un sacco di tempo perso a sistemare l’armadio e ritrovarsi nuovamente a rimetterlo apposto (effetto boomerang). Direte voi, va beh ma devo fare il cambio stagionale, quindi ci sta tutto se metto in ordine di nuovo. Sì è vero. E i cassetti? Quante volte li avete ordinati e sono tornati pieni di carte che non vi servono o di vestiti messi alla rinfusa? Fogli e oggetti che compaiono come per magia quando tirate il cassetto per pulirlo e li ritrovate schiacciati infondo pensando di averli persi. Non è così?

Dite che anche voi avete i vestiti di 7 – 8 anni fa che non usate più ma che non volete buttare perché siete legati ad un ricordo, o ad una camicetta o un pantalone che non vi entra e che pronunciate la fatidica frase …  “non si sa mai, un domani la userò” ma sta li da una vita a prendersi il suo spazio comodo comodo nell’armadio.

Appena mi sono sentita meglio dall’influenza ho cominciato ad applicare le regole della scrittrice. Tanto che mi costa provare?
La parte fondamentale è riorganizzazione, l’ordine delle cose deve essere fatta in questo modo: prima i vestiti, poi i libri, in seguito le carte, gli oggetti misti e in ultimo i ricordi.
Il tutto deve essere fatto in una volta.

Da non credere! Avevo riempito 6 sacchetti (buste del supermercato) di roba da eliminare!
Sono rimasta davvero sorpresa degli oggetti che avevo avuto il coraggio (perché in quel momento è da dire solo che ci vuole coraggio) di buttare tanti vestiti e moltissimi oggetti che non usavo più senza pentirmene minimamente!
L’armadio è in ordine, tutto è catalogato e piegato con cura. Non mi sembra vero! L’ordine regna sovrano! 😀

Ormai è passato più di un anno da tutto ciò che ho tolto dai miei contenitori, armadi, cassetti … , ne sento la mancanza?
Certo che NO!

L’unica cosa che non sono d’accordo del metodo Konmari è che per Marie Kondo non deve esistere la possibilità di passare i vestiti ad altre persone, tutto deve essere buttato via. Io posso capire che possa essere gettato un abito difettoso, sgualcito, bucato, ma quelli che sono ancora passabili o solo di misure non più adatte a noi potrebbero essere benissimo riutilizzati da chi ne ha più bisogno.

E i miei spazi? I miei armadi? Come sono oggi a distanza di un anno e mezzo?

Il magico potere del riordinoil-magico-potere-del-riordino-le-mille-e-una-passione-2

il-magico-potere-del-riordino-le-mille-e-una-passione-3

L’unica cosa che mi ritrovo a fare durante il cambio di stagione è portare i vestiti invernali ed estivi dall’armadio sopra a quello sotto, per problemi di gestione dello spazio.

“Il magico potere del riordino” lo consiglio veramente se volete cambiare il vostro modo di vivere e di sistemare. Potete prenderlo sempre come una sfida. Sappiate solo che una volta che avete sistemato tutto non lo dovrete fare più.

Voi che avete letto “Il magico potere del riordino”, siete riusciti ad applicare il metodo e a tenere il vostro armadio e i vostri spazi in ordine?

[warning]Non sono stata pagata da alcuna casa editrice, autore o simili per recensire questo articolo. Posseggo questo libro e le opinioni sono personali.[/warning]

Leggere un libro non è uscire dal mondo, ma entrare nel mondo attraverso un altro ingresso.
(Fabrizio Caramagna)

Laly

Togli e metti lo smalto le unghie si potrebbero rovinare, ma non se abbiamo un buon solvente a portata di mano. Ecco qui quindi CienSolvente per smalto unghie (senza acetone), lo potete trovare solo da LiDL.

Cien - Solvente per smalto unghie (senza acetone)

Ecco l’INCI

ETHYL ACETATE (solvente )
ALCOHOL DENAT. (solvente)
AQUA (solvente)
CAPRYLIC/CAPRIC TRIGLYCERIDE (emolliente / solvente )
PARFUM
OCTOCRYLENE (filtro U.V.)
BUTYL METHOXYDIBENZOYLMETHANE (filtro U.V.)
LINALOOL (Allergene del profumo)
LIMONENE (Allergene del profumo)
CI 16035 (colorante cosmetico)

Rispetto al flaconcino precedente, scomodo che qualche volta rischiava di cadere, oltre al fatto di impegnarsi le mani per prendere il dispenser e versare il solvente sul cotone con il rischio che ne cadeva un grosso quantitativo…

adesso questo dispenser è molto più comodo, in più ha un dosatore molto carino. Basta poggiare il cotone e pigiare sulla plastica e il solvente bagna il cotone.

Ho preparato una gif. carina carina ghgh! Visto le mie unghiette?

Cien - Solvente per smalto unghie (senza acetone)

A furia di spremere qua su, rischio che lo consumo tutto 😛

Rispetto ad altri solventi per unghie, questo oltre ad essere poco costoso ( circa € 1.39) è pulito come INCI, è delicato sulle unghie e fa il suo dovere.
La confezione è di 200 ml.
Ovviamente non puzza di acetone, di certo non profuma, ma il suo odore è sopportabile.

Lo avevate già provato?

Laly

E insomma, andando a fare un giro all’ Auchan (non che da altre parti non si trovano, anzi) ho voluto comprare i Mikado King Choco saveur pralinè.
Per chi non lo sapesse ancora questi sono dei biscotti, tipogrissini con una copertura di cioccolato, ne esistono di vari tipi, con granella di nocciole, al latte, fondente e cioccolato bianco più le due novità uscite nel 2012 dei king choco al cioccolato e alla copertura di nocciole.

R_DSC00767
Prendiamo in esame quest’ultimo.

Diciamo che non c’è molto tempo per esaminare questo prodotto

  1. perché fa gola
  2. perché quando hai ospiti a casa e apri il pacchetto, ce ne sono così pochi (forse dieci?) e insomma appunto non hai il tempo di contarli

 

Ho voluto prendere in esame il prodotto perché, chi ha visto i miei precedenti post, la mia amica dal Giappone, mi mandò un qualcosa che qui in Italia forse non arriverà mai .. I Pocky alla fragola.
La cosa appunto che poi non ci avevo fatto caso è che sono tutte e due della stessa ditta, la Glico group che ha sede in Giappone, ma ha distaccamenti nel sud-est Asia, Cina, Canada/America e in Europa.

E questa scatolina arriva proprio dalla sede francese .. ma l’ho comprata al supermercato qui in Italia, ovvio. 😛

R_DSC00765

Ecco il biscotto in tutta la sua bellezza. Basta un secondo per addentarlo e mandarlo giù

R_DSC00771

E fu così che ho tirato fuori i miei Pocky alla fragola con l’ultimo pacchettino che avevo lasciato da parte
Adesso i fratelli nati in due continenti diversi si possono incontrare. (che storia commuovente) 😛

R_DSC00768

Da notare anche il marchio Glico. Mio fratello fa il gioco delle differenze notando che i Mikado fanno ingrassare rispetto ai Pocky giapponesi. ghghgh! Spiritosoooo!

R_DSC00769

Ecco, sfoderato il pacchetto di Pocky alla fragola, l’ultimo pacchettino da 10 che avevo lasciato da parte, ma poi perché lasciargli prendere la muffa? Il tempo di fare qualche foto e spariscono tutti.

R_DSC00775

Che dire? Ottimi!
Ringrazio chi spiritosamente dice che ora sono contagiata dalle radiazioni di Fukushima 🙂

A me piace fare recensioni di cose utili e di cose che mi piacciono.
Oggi a tal proposito volevo parlarvi di quest’app App Luce Torcia Android per utilizzare il vostro cellulare come torcia.

App Luce Torcia TeslaLED Flashlight per Android

“Certo” direte, “ma ce ne sono tantissime, basta che accendono il led del display, che ce ne parli a fare?”

Eccomi qui a rispondere. Secondo me un app per la luce non dovrebbe richiederti di entrare nel tuo telefono leggendo stato e ID, modificare impostazioni del sistema, ricevere dati da internet ecc.. insomma, sono tutte cose superflue. Perché non una bella app che fa SOLO torcia senza richiedere una marea di cose inutili al nostro cellulare?

I permessi sono brevi e semplici.
Screenshot_2014-01-23-13-31-02

 

Ecco un video in inglese che spiega le diverse funzioni

Immagine

 

  • Classica torcia
  • Luce a tempo
  • Strobo
  • Codice Morse con suono
  • Luce a pressione
  • Luce schermo
  • Luce polizia

Immagine2

App Luce Torcia TeslaLED Flashlight per Android