Come programmare i post di Facebook

Da un po’ di tempo è stata modificata la pianificazione di post direttamente dalla pagina Facebook e non era possibile programmare in date future gli articoli che volevamo postare.
Cosa è cambiato?

E’ cambiato che per programmare il post bisogna collegarsi a Creator Studio di Facebook, che permette oltre la pianificazione di contenuti che siano video, link ai post di blog o aggiornamenti di stato, di monitorare nel dettaglio dati statistici e interagire in modo chiaro e pulito con la pagina.

Prima era possibile farlo sulla pagina Facebook, ma oggi questa opzione è cambiata e puoi utilizzare Facebook Creator Studio per i tuoi post.

Per accedere all’area di Facebook che ti consente di pianificare i tuoi post, dovrai andare su business.facebook.com/creatorstudio e in questa schermata avrai a disposizione tutte le tue pagine di Facebook, se hai più pagine. Se hai solo una pagina Facebook, avrai solo quella.

Creator studio

Ed è qui che puoi anche connettere il tuo account Instagram in modo da poter pianificare anche su Instagram. Questa dimostrazione riguarda solo Facebook. Non ti mostrerò come configurare e connettere Instagram.

Trattiamo solo come programmare su Facebook. Quindi, una volta cliccato su “Pubblica qualcosa” si aprirà una pagina laterale. Se abbiamo più di due pagine dobbiamo scegliere su quale pagina pubblicare.

Creator studio
Una volta scelta la pagina abbiamo a video la finestra simile a quella precedente quando pubblicavamo i post su Facebook. Inseriamo l’URL nella descrizione. Ottieni una vista che assomiglia a qualcosa del genere e da qui puoi iniziare a pianificare i tuoi post.

Creator studio

In basso a destra accanto a “Pubblica” c’è una freccetta, e la clicchiamo ci compaiono le azioni per un eventuale programmazione.

Creator studio

 

Una volta scelta la data e l’orario di pubblicazione basta cliccare su “Programma” e il gioco è fatto!
Una volta pubblicato puoi andare nel menù a sinistra e cliccare su “Post” alla voce “Libreria di contenuti” e visualizzare tutti i post creati da te, compreso l’ultimo, monitorare così tutti i dettagli.

Qui adesso abbiamo una chiara visione di “Tutti i post“, “Tutti i post pubblicati“, “Programmati“, “Bozze” ecc. e tenere d’occhio uno o più pagine

Spero che questo post vi sia stato utile.

Al giorno d’oggi su internet si acquista di tutto. Il metodo più sicuro per il pagamento attualmente è Paypal.

Questo fornisce diversi modi per essere tutelati quando pagate. Io fin’ora mi sono trovata bene, ma c’è chi è incappato in truffe, che comunque non sono collegate direttamente con Paypal. Vi spiego meglio.

Una cosa che si raccomanda sempre è di stare attenti ai tentativi di phishing allo scopo di estorcervi informazioni sulle credenziali della vostra carta per fregarvi i soldi, oppure ricevere delle e-mail ingannevoli con le quali dicono di aver pagato la somma pattuita per un eventuale oggetto e che la somma la riceverete fra diversi giorni. Assolutamente NO. I soldi trasferiti sul conto Paypal sono pressoché immediati.

Potete ricevere e-mail che il vostro conto è stato bloccato, balla colossale. e di procedere ad un eventuale pagamento tramite Western Union (sì, certo, certo ….) .

Quello che potrebbe farvi credere che sia un e-mail veritiera di Paypal sono appunto le immagini Paypal, l’indirizzo della sede Paypal e molti dati vostri come e-mail e vari dettagli tipo la somma che dovete ricevere.

Come capire che questa e-mail è una truffa?

Innanzitutto andate a guardare il vostro saldo, non che l’estratto conto e verificate SOLO DAL SITO PAYPAL e NON DA LINK DELLE E-MAIL, se avete ricevuto la somma pattuita. Quindi aprite una nuova finestra e digitate www.paypal ecc. e accedete da li.

Diffidate di compratori con indirizzi dall’estero, cominciate a storcere un po’ il naso. Se poi non siete sicuri rivolgetevi all’assistenza Paypal, magari nel sito c’è un e-mail cui contattare.

Verificate che l’e-mail che vi è arrivata sia scritto in italiano corretto. Paypal non vi manderà MAI e-mail con degli errori.

Ecco un esempio, non leggete di fretta e furia!

Paypal non vi assicura MAI diecimilioni di volte che il pagamento è sicuro.

Esempio:

Quello che vi scrive Paypal è questo:

   “Ditta X  ha completato la verifica del conto PayPal, confermando, così, la sua identità.La verifica del conto PayPal è una misura di sicurezza per confermare che un utente è titolare del conto bancario o della carta di credito che utilizza con PayPal. La conferma dell’identità consente di prevenire alcuni tipi di frodi come il furto di identità e aumenta la sicurezza dei pagamenti PayPal.”

Paypal non vi manderà MAI un e-mail che il vostro conto è stato bloccato e che dovete versare una percentuale per sbloccarlo facendo un pagamento a Western Union. Macché scherzi? Io devo ricevere un pagamento e devo pure pagare?

PER TUTTE LE CRISPELLE! NON PAGATE!
Verificate sempre prima di commettere errori! Domandate, chiedete a chi ha già usato Paypal e se non siete sicuri di quello che state facendo chiedete ancora!
Spero che questo post possa esservi utile.

 

Buonasera a tutti! Oggi ho resettato il telefono, ma al riavvio ho trovato una bellissima sorpresa.. Non solo il mio One Plus One attiva automaticamente la connessione web facendomi scalare € 6,00 dal mio credito, ma è arrivato questo simpaticissimo errore Android  [RPC:S-5:AEC-0] su qualsiasi applicazione che io andavo a installare.

Errore Android [RPC:S-5:AEC-0] su qualsiasi applicazione

Mi dispiace, ma non ho un’immagine dell’errore, d’altronde ero molto presa a risolverlo piuttosto che riservarlo come immagine. Se succederà in futuro la cambierò. Almeno con questa vi mostro che l’ho risolto senza problemi.

Che dire? e ora? come lo risolvo?

I € 6,00 euro dalla Vodafone me li sono fatta rimborsare, evitando di sparare cazzate con l’operatore sono stata sincera al 100% ho spiegato il mio problema, sapevo già precedentemente che il mio smartphone aveva avuto il problema di collegamento al punto di accesso web e non mobile, ma una volta che avevo resettato il telefono e fatte le configurazioni, mi è sorto il dubbio solo solo dopo l’ “OK” che sarebbe tornato con la configurazione web e infatti era arrivato il messaggio puntualissimo. E va beh, fatto il rimborso un male in meno.

Ora come risolvere il problema dell’ errore Android  [RPC:S-5:AEC-0] recupero informazioni dal server ?
In giro per la rete ho trovato altri sistemi che non hanno risolto nulla, cancella cache, google play, resetta telefono ecc, per questo ho deciso di scrivere la soluzione in questo post, ho trovato questo video molto semplice e sopratutto funzionante e ringrazio MrInformaticaEu perché il problema è stato risolto in pochissime mosse.

Negli ultimi tempi mi capita spesso di fare acquisti on line e vorrei dire la mia opinione sull’assistenza Amazon.

Quando mi ero iscritta ero molto fiduciosa a fare acquisti presso questo sito, probabilmente ero molto spaesata e abituata a fare acquisti su e-bay, ma quando capita l’occasione di trovare lo stesso prodotto a buon prezzo cominci a pensarci.

L’importante è fare i conti giusti, spesso capita che i prodotti sono venduti e spediti da Amazon e non dai negozi su Amazon, e quindi se si supera l’acquisto di €19,00 le spese di spedizione sono gratuite.

Mi è capitato di comprare una fustella, arrivata circa dopo una settimana (diciamo che i prodotti spediti da Amazon sono sempre arrivati anche prima della tempistica data).
Questa fustella non tagliava bene .. ok, ora come posso restituirla?
Cerco all’interno del sito un modo per contattare l’assistenza .. un pochino macchinoso e faticoso, ma finalmente riesco a muovermi fra i link e trovo due opzioni: chatta o ricevi la telefonata.
Decido di ricevere la telefonata, spesso è difficile comunicare con l’operatore tramite messaggi. Inserisco il mio numero di cellulare e in meno di 3 secondi squilla il telefono e riesco a parlare con il call center che subito mi accorda il ritiro del pacco a carico loro e la sostituzione con uno nuovo (la telefonata è a carico mio, avrò speso circa €0,40, ma con tutta la soddisfazione di aver risolto tutto in un lampo). Purtroppo anche la seconda fustella aveva il problema simile, quindi ho pensato che tutto il lotto poteva essere difettoso. Ricontatto l’assistenza, questa volta tramite chat, velocissimi rispondono e a questo punto decido per il rimborso. Fanno ritirare la spedizione a carico loro e io sono soddisfasttissima del servizio e della gentilezza.

Altro ordine altro problema. Mi arriva un e-mail che la mia spedizione sta facendo dietro front presso Amazon .. O__O come???!!!
A questo punto mi allarmo e con lo smartphone contatto l’assistenza tramite chat e verificano il problema. Si scusano dell’accaduto e dato che sta tornando in magazzino provvedono immediatamente ad effettuare il rimborso e siccome a me l’articolo serviva mi chiedono di riacquistarlo nuovamente.
A quel punto mi collego col PC per facilitarmi l’acquisto e contemporaneamente cade la chat che avevo con l’operatore sullo smartphone e vedo sul PC che il prezzo dell’articolo è aumentato da € 10 a €14 e in più dovevo pagare le spese di spedizione dato che non superavo le €19,00 (l’ordine era cumulativo con altri oggetti per il valore di 29 euro che sono partiti separatamente). Panico totale! Suona il telefono di casa ed è l’operatore che prima mi stava dando assistenza tramite chat, spiego il problema e mi assicura di spedirmi l’articolo gratis allo stesso prezzo del precedente. Pochi click e l’articolo è tornato in spedizione.

Amazon

Insomma, anche se all’inizio ero titubante ora non lo sono più dopo queste due esperienze entrambe positive. L’assistenza di Amazon è immediata e cortese. La cosa più bella è che nel momento in cui ho perso la linea con l’operatore in chat mi hanno contattato a casa e seguito fino alla chiusura dell’operazione.

Voi come vi siete trovati?
Avete avuto esperienze positive o negative?

 

A quanto pare anche i blog sono arrivati ad aggiornarsi a questa informativa sui cookies che diventerà obbligatoria dal 2 giugno.

cokie policy 0

E’ possibile leggere la normativa QUI

WordPress si aggiorna con Iubenda, un GENERATORE DI PRIVACY POLICY PER: Siti web, Facebook app, Mobile app.

Come fare per attivare la cookie policy nel blog?
Molto semplice.

Entrate facendo login nel vostro blog e andate nella barra laterale a sinistra nelle IMPOSTAZIONI e poi su COOKIE POLICY

cokie policy 1

a questo punto non serve nient’altro che continuare la procedura continuando l’attivazione. Vi arriverà una conferma via e-mail (state attenti perché potrebbe essere nella cartella spam).

Una volta attivato il tutto potete vedere se funziona la COOKIE POLICY solo in un modo.
Cancellate tutti i dati di navigazione nelle impostazioni di crome e controllate al vostro indirizzo ..  nel mio caso http://blog.cookaround.com/lemilleunapassione  , se l’informativa compare in alto appena accedete vuol dire che risulta attiva.

Se avete difficoltà disattivate e riattivate il tool sempre su IMPOSTAZIONI e poi su COOKIE POLICY

cokie policy 2

Facile no?

Come eliminare i cookie dal vostro broswer?
Prendiamo l’esempio su chrome, sugli altri browser il procedimento è simile.

Andiamo a destra sul menù e andiamo su IMPOSTAZIONI

cancellare cookie 1

 

Cliccate in basso su IMPOSTAZIONI AVANZATE

cancellare cookie 2

 

Cliccate su CANCELLA DATI DI NAVIGAZIONE

 

cancellare cookie 3

Si aprirà una finestrella. Selezionate tutto e cliccare su CANCELLA DATI DI NAVIGAZIONE

cancellare cookie 4

 

Aiutando invece le mie amiche della piattaforma BLOGGER / BLOGSPOT ho scoperto che è possibile usare la Navbar che già include la cookie privacy.
Potete trovare più indicazioni su Scuolissima <—

Buon lavoro!

Laly

doPDF1

Tempo fa ho avuto la necessità di convertire un documento in PDF dal programma Word e quindi mi serviva un programma facile e veloce da utilizzare, ma sopratutto gratuito.

Ecco quindi doPDF.

Vediamo come usarlo.

Innanzitutto andiamo sulla pagina http://www.dopdf.com/it/ e scarichiamo il programma e lo installiamo.

Sembra che non sia successo nulla .. e invece ..

Andiamo sul file di testo Word, ma può essere anche un file in Excelle o un immagine ..
basta andare sul menù a tendina FILE –> STAMPA .. e scegliere la “Stampante” e scegliete doPDF 8

Convertire un documento in PDF

e cliccate su OK

Vi si aprirà un ulteriore maschera che vi chiederà dove volete salvare il documento

Convertire un documento in PDF

Ed ecco qui semplicemente il documento pronto per essere stampato o utilizzato via e-mail.

Convertire un documento in PDF

Facile no?

Compatibile con –> Windows 8, 7, Vista, XP, 2008/2003/2000 Server (32/64-bit)

 

Laly

Oggi dedicherò questo post a coloro che vogliono cambiare il font nel loro tema a marchio Bluchic, temi molto femminili. Non so se questo post possa essere utile per altri tipi di temi per WordPress.

Font bluchic 1

Cominciamo dalla lista di temi a marchio Bluchic che sono interessati a questo tutorial (credo che sono quasi tutti con lo stesso metodo):

Iniziamo!

Per prima cosa dobbiamo scegliere il tipo di font che vogliamo inserire e andiamo a questo indirizzo https://www.google.com/fonts
Una volta scelto clicchiamo su “Add to collection” e successivamente “Use”

Font bluchic 2A questo punto scegliete lo stile

Font bluchic 3

Andate in basso e copiate questo link del punto 3

Font bluchic 4

Sulle vostre impostazioni del blog che sono –> Aspetto –> Theme Options –> Extra inputs and settings

Font bluchic 6

 

Questa prima parte è fatta, ma ancora non abbiamo concluso nulla perché il font non sarà attivo.
Per i più audaci e azzardatori, ci dobbiamo addentrare ad ispezionare gli elementi del blog punto per punto, per capire dove volete utilizzare il font che avete scelto, quindi andiamo sulla vostra schermata del blog e con chrome cliccate il tasto destro del vostro mouse e si aprirà il menù a tendina e andremo a cliccare su “ispeziona elemento”

A questo punto dobbiamo andare a spulciare bene bene dove si trova il titolo che noi vogliamo cambiare, quindi con molta calma apriremo quelle piccole freccette di lato al codice e passando sopra con il mouse, questo evidenzierà le parti del blog, fino a che andiamo a trovare la parte che ci interessa cambiare la scritta, una volta trovata ci cliccate sopra e andiamo a prelevare il codice CSS del titolo che ho evidenziato con il quadrato rosso

Font bluchic 7

Ritornate sul pannello delle opzioni del tema e incollate il codice CSS del titolo alla voce Custom CSS 

Tornate nella pagina del font di google (senza chiudere il pannello delle opzioni del tema) e copiate il nome del font

Font bluchic 5

A questo punto basterà incollare il nome del font all’interno delle parentesi graffe

Font bluchic 8

Adesso salvate le impostazioni e il gioco è fatto.

Per aggiungere altri font è possibile utilizzare lo stesso procedimento aggiungendo il link del font alla voce Header script(s) e poi alla base il nome del font in Custom CSS
Se si vuole utilizzare lo stesso font già inserito in Header script(s) altri spazi come sottotitoli e titoli nelle barre laterali è possibile inserire il codice CSS trovato all’interno del blog con la funzione “ispeziona elemento” , quindi inserirlo in Custom CSS con il nome del font che già abbiamo.

Altro esempio ..
Per cambiare i titoli nella barra laterale ho fatto sempre ispeziona elemento e ho cercato fino a che non ho selezionato l’elemento interessato, a questo punto ho dato il click (per bloccarlo) e da li posso ricavare il codice CSS da inserire nelle impostazioni della voce Custom CSS

Font bluchic 9

 

E a questo punto lo incolliamo e all’interno delle parentesi graffe inseriamo il nome del font che trovate alla voce numero 4 del font che avete scelto.

Font bluchic 10

Questi font che scegliete condizioneranno anche le scritte all’interno dei post 🙂 Quindi sceglieteli con cura e leggibili.

Font bluchic 11

 

 

[disclaim]Vi dico la verità, non è semplicissimo, l’ho trovato un pochino difficoltoso anche io, sopratutto la ricerca dell’elemento, ci vuole molta moltissima pazienza, quindi non disperate al primo tentativo. Rileggete bene la guida e sostituite i codici nelle parti corrette.

Non abusate di troppi font perché potrebbero appesantire il forum, quindi consiglio di sceglierne al massimo due.

Se qualche passaggio non è stato chiaro scrivete, vedrò di modificare il post in modo più comprensibile.

[/disclaim]

Non so perché ma tenevo nascosto questo video da un po’ di tempo. La mia voce fa decisamente schifo, ma spero che la spiegazione può essere più utile dello scritto.
Per voi, quindi, il video tutorial su come cambiare font nei temi Bluchic

Cambiare font nei temi bluchic

 

Laly

Oggi vi propongo un programmino facile facile per ridimensionare le foto o le immagini e si chiama Resize.

resize 0

Ringrazio i produttori di questo programma, ma sinceramente mi scuso perché in rete non riesco a trovarlo più e avevo conservato una copia che è totalmente gratuita.
In questo post presenterò un tutorial per il funzionamento di questo programma.

[disclaim]Se questo programma viola qualche legge vi prego di contattarmi e verrà rimosso
If this program violates any law please contact me and will be removed[/disclaim]

–> Scaricare RESIZE <–

resize 1
Scompattarlo

resize 2

Avremo di fronte a noi questo

resize 3

 

Apriamo RESIZE e ci troviamo di fronte a questa maschera tuttavia molto semplice

resize 4

 

La prima cosa da fare è vedere dove salvare le immagini che andrete a ridimensionare e potete fare questo andando su OPTIONS –> DESTINATION 
Nel caso non modificate questo parametro, le foto verranno salvate nella stessa cartella delle foto originali.

Per caricare le immagini da ridimensionare andiamo su FILE –> ADD TO LIST

resize 5

 

Scegliamo le immagini e confermiamo.
Queste appariranno in lista e di lato scegliamo i parametri di ridimensionamento che possono essere in percentuale (Percent), altezza (Height), larghezza (Width) e massima dimensione (Max Dim).

Immaginiamo di dover ridurre una foto con un’ altezza di 100px

resize 6

 

Clicchiamo su Start e il programma si avvia al ridimensionamento

resize 7

 

Ecco quindi la foto ridotta 133 px di larghezza x 100 px di altezza

 

resized_PB170206

 

Noterete che nel frattempo si è creata una piccola icona con l’ingranaggio con scritto RESIZE SETTINGS . Nulla di spaventoso, sono solo parametri che avete impostato 🙂
Per tenere tutto in ordine tenete queste tre icone dentro una cartella e all’occorrenza basterà aprirla e accedere al programma 😉
Molto facile e veloce.
Onestamente odio utilizzare programmi on line per ridimensionare le foto, sopratutto se sono foto personali.
Questo è un programma molto semplice e senza bisogno di installazione.

Quindi …. BUON RIDIMENSIONAMENTO!

 

Da oggi 27/12/2015 Video

Come ridimensionare le immagini

Laly